logo ok2   

I nostri numeri sono 0103212040108363649
 
dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8 alle ore 19

il Sabato dalle ore 8 alle 13 e dalle 14 alle 17

 
Italian English French German Japanese Russian Spanish

logo manutentori

  • Home
  • FAQ
  • Prima di chiamare il tecnico

tecnico Prima di chiamare il tecnico

La mia caldaia non funziona

le uniche cose che il cliente può verificare prima di chiamare il tecnico sono le seguenti:

1) La caldaia è alimentata elettricamente? (verificare se ci sono spie accese o il display in caldaia è acceso), verificare se l'iterruttore generalmente posto sul muro nelle vicinanze della caldaia contrassegnato con i  
    numeri 1 e 0 sia inserito su uno. Controllare se il salvavita, generalmente posto nel quadro elettrico delle casa non sia intervenuto.
2) Se la vostra caldaia ha la fiamma pilota verificare guardando attraverso lo spioncino che la fiammella sia accesa.
3) Verificare se la griglia di aspirazone della caldaia posta fuori dall'appartamento sia pulita o non vi siano ostruzioni (panni stesi, sacchetti di plastica in caso di lavori sulla facciata ecc. ecc.) (solo per caldaie stagne)
4) Controllare che la pressione di esercizio della vostra caldaia sia a 1 Bar, quasi tutte le caldaie hanno uno o due orologino/i sul cruscotto uno che indica una temperatura e l'altro una pressione in Bar.
5) Controllare che ci sia gas (accendendo per esempio un fornello) se c'è controllare che non sia chiusa la maniglia di intercettazione gas sotto la caldaia.

Se tutte queste indicazioni non hanno portato ad alcun risultato potrete contattarci

La mia caldaia perde acqua

Se la caldaia perde acqua bisogna innanzitutto verificare se la pressione dell'impianto indicata generalmente dal manometro ( su caldaie piu moderne tale valore potrebbe essere indicatu su display) sia tra 1 e 1,5 bar.Verificare se il rubinetto carico impianto posto in caldaia sia chiuso, se aperto chiuderlo. (si ricorda che tutti i rubinetti si aprono in senso antiorario, da destra verso sinistra e si chiudono in senso orario, da sinistra verso destra. Se la pressione è oltre 2 bar bisogna attraverso una valvolina di sfiato posta in alto a destra o sinistra di un qualsiasi radiatori togliere acqua fino a riportare la pressione entro 1,5 bar (tale operazione andrebbe fatta sempre con radiatori freddi e caldaia spenta). In alcuni casi, impianti datati potrebbero non essere presenti le valvoline di sfiato sui radiatori, in questo caso chiamate il centro di assistenza.Se l'acqua smette di scendere, verificare nelle ore successiove se la pressione durante l'uso dell'impianto di riscaldamento tende a salire molto (ad esempio da 1 a 3 bar) in questo caso chiamare il tecnico. Se la caldaia continua a gocciolare dopo quanto sopra chiamare il tecnico.

Devo sfiatare i radiatori ?

Anche se in televisione e sui giornali vi dicono di sfiatare i termosifoni prima della stagione invernale tale operazione è altamente sconsigliata. Quando si eseguie un operazione anche banale sull'impianto si dovrebbero contollare diversi componenti, per cui è meglio lasciar perdere e far fare questa operazione al tecnico nel momento della manutenzione caldaia.

Sento dei rumori come dei tac che provengono dalla caldaia

Gli scambiatori delle caldaie sono come i radiatori di un automobile, nel momento che spegniamo la caldaia o l'accendiamo, lo scambiatore si raffredda o si scalda producendo delle dilatazioni termiche che producono quel tipo di rumori è normale non preoccupatevi.

La mia caldaia consuma troppo

La caldaia è come una macchina consuma in base all'utilizzo, inoltre è particolarmente difficile leggere le bollette del gestore gas.
Il primo controllo che si deve fare è vedere se ci sono delle perdite di gas, operazione molto semplice da eseguire, basta chiudere il rubinetto di intercettazione gas posto sotto la caldaia (generalmente di colore giallo) leggere le ultime cifre del contatore gas quelle nei riquadri neri, annotarsele su un foglietto, attendere 20/30 minuti senza utilizzare il gas in alcun modo, e rileggere le cifre prese precedentemente, se si sono mosse c'e' una fuga di gas (in questo caso chiamarci immediatamente per eseguire un controllo più accurato) altrimenti non ci sono perdite ed i consumi sono dovuti all'utilizzo.
Un secondo controllo è leggere bene la bolleta del gas ma non con la cifra dell'importo ma controllando il periodo ed il metri cubi di gas utilizzato esempio trimestre gennaio-febbraio-marzo 2013 (xxx metri cubi di gas) e poi confrontarlo con lo stesso periodo del 2014, questo è un controllo molto grossolano anche perchè può essere influenzato delle temperature esterne registrate nei periodi, in grandi linee dovrebbero essere dello stesso ordine di grandezza o scostarsi di pochi metri cubi, se imvece la differenza è molto grossa e non ci sono perdite sentire il gestore del gas.

Sento odore di gas quando parte la caldaia

Potrebbe essere normale se il tubo di scarico fumi della caldaia è vicino ad una finestra o è su un terrazzo, la caldaia prima di partire effettua un lavaggio della camera di combustione per evitare che siano presenti residui di gas prima di fare la scintilla di accensione evitando così esplosioni alla partenza, in questa circostanza se siamo vicini allo scarico dei fumi potremmo sentire sicuramente odore di gas, come prima cosa chiudiamo l'eventuale finestra vicino allo scarico e controlliamo se sentiamo ancora odore di gas, se non lo si sente più tutto bene lo lo si percepisce ancora chiamare il centro di assistenza tecnico per eseguire un controllo di una eventuale perdita.

La caldaia scende spesso di pressione, cosa posso fare?

La prima cosa è controllare le parti esterne del suo impianto di riscaldamento tipo caloriferi e collettore quando sono freddi cercando eventuali segni d'acqua, questa operazione dovrebbe essere effettuata collocando un foglio di giornale sotto a ciascun radiatore in prossimità delle valvole. in seguito ci contatti per un controllo all'interno del Suo apparecchio.

Trovo i radiatori caldi nella parte alta e freddi nella parte bassa

Negli impianti domestici si formano dei così detti "FANGHI" all'interno delle tubazioni del riscaldamento che alla lunga si depositano sulla parte bassa dei radiatori rendendoli freddi, quando si hanno questi problemi deve essere eseguito un lavaggio dell'impianto fatto con prodotti specifici e certificati.
Il Lavaggio dell'impianto non è coma molti credono pulire l'impianto con acqua corrente, ma un operazione eseguita con un macchinario che fa girare all'interno dell'impianto un liquido chiamato defangatore per circa 4/5 ore invertendo ogni tanto il flusso, poi viene fatto girare all'interno un liquido chiamto Filmante che fissa le impurità rimaste.

Vuoi cambiare la tua caldaia o il tuo condizionatore?

Contattaci e ti daremo tutte le informazioni di cui hai bisogno

Contattaci

hai un quesito?
l'esperto risponde

accensione

per la prima accensione, la manutenzione o assistenza tecnica

manutenzione

per richiedere informazioni


informazioni

Resta in contatto!

Il nostro team sarà sempre a disposizione per qualsiasi
questione tecnica, suggerimenti o consigli.

Chiamaci ai numeri
010.321204 - 010.8363649


i nostri uffici sono aperti dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19
e il Sabato nel periodo Ottobre-Febbraio dalle 8 alle 13 e dalle 14 alle 17

 

beretta